Category Archives: I miei servizi

I miei servizi News Immobiliari

Il rinvio al preliminare di compravendita «svincola» gli obblighi della proposta d’acquisto

L’acquisto di una casa è un percorso a tappe: proposta, preliminare, rogito. I passaggi non sono però obbligati. Le parti possono infatti procedere subito al “compromesso” o al rogito; così come, d’altra parte, l’accettazione della proposta può condurre direttamente al contratto definitivo di vendita. E allora qual è la differenza tra proposta e preliminare? Come muoversi, conservando le massime tutele?

La proposta d’acquisto viene di solito firmata su un modulo prestampato, fornito dall’agenzia immobiliare, che contiene gli elementi essenziali della futura vendita (individuazione dell’immobile e delle pertinenze, prezzo, tempi di pagamento, termini per la consegna e la firma dell’atto definitivo). Vincola di fatto solo il proponente e, fino al momento dell’accettazione, può esser ritirata: sempre che non sia stata formulata come proposta irrevocabile per un certo periodo di tempo. «Quando il venditore accetta, entrambe le parti restano obbligate a stipulare l’atto definitivo di vendita – spiega Nicoletta Ferrario, del Consiglio notarile di Milano –. Le condizioni indicate non potranno più essere modificate unilateralmente ma solo di comune accordo. Una recente sentenza della Suprema Corte (n. 25923, del 9 dicembre 2014) ha affermato che l’accordo è da ritenersi concluso anche con la semplice comunicazione dell’agenzia all’acquirente circa l’avvenuta accettazione della proposta irrevocabile. È sufficiente quindi che il mediatore informi di essere in possesso dell’accettazione scritta, senza dover trasmettere tale documento».

Da un punto di vista puramente giuridico, non c’è dunque differenza tra la proposta accettata e il preliminare. Se una delle parti cambia idea prima del rogito, perde la somma depositata a titolo di “caparra” (acquirente) o ne deve restituire il doppio (venditore). «Inoltre, la parte che vuol invece mantenere gli impegni sottoscritti – osserva Ferrario – può rivolgersi al giudice e ottenere una sentenza che trasferisca la casa alle condizioni previste nella proposta accettata e, per quanto non pattuito, alle condizioni di legge (esecuzione in forma specifica, articolo 2932 Codice civile, ndr)».

Già per la stesura della proposta può esser opportuno rivolgersi a un professionista di fiducia, che esamini condizioni “sospette” o svantaggiose. Oltre a indicare un periodo di validità non troppo lungo (ad esempio, una settimana) e le modalità di pagamento della provvigione al mediatore, la proposta deve contenere altri elementi di tutela: l’indicazione che l’acquisto è condizionato all’effettivo ottenimento del mutuo, la dichiarazione del venditore circa l’assenza di pesi, ipoteche o trascrizioni pregiudizievoli, sulla conformità urbanistica della casa, sullo stato degli impianti, e così via. «È comunque opportuno – chiarisce il notaio – prevedere una clausola secondo la quale le parti si impegnano a definire meglio e compiutamente le condizioni contrattuali in un successivo preliminare formale, sostitutivo del precedente accordo». Questo per evitare “sorprese” quali spese condominiali straordinarie deliberate dall’assemblea o, cause in corso, e riservarsi una verifica più attenta sull’immobile e sulle parti acquirente e venditrice. «A questo proposito – continua Ferrario – è utile ricordare che la Cassazione (sentenza 8083 del 2 aprile 2009) ha considerato nulla una promessa irrevocabile di acquisto là dove le parti si sono obbligate a stipulare in fasi successive prima un contratto preliminare e poi un definitivo di acquisto».

I vantaggi di un rinvio al preliminare sono diversi. Ulteriormente rafforzati dalla possibilità di trascrizione nei registri immobiliari, eseguita dal notaio. La firma del compromesso in sé – come la proposta accettata – fa nascere infatti un obbligo giuridico che ha effetto solo tra le parti: se il proprietario vende ad altre persone o iscrive ipoteche sull’immobile, l’acquirente potrà al massimo chiedere al giudice il risarcimento dei danni, ma dovrà rinunciare alla casa. La trascrizione, il cui effetto “prenotativo” dura tre anni, rende invece il contratto opponibile nei confronti di terzi e protegge anche da qualsiasi azione sull’immobile (pignoramenti, sequestri, ipoteche giudiziali).

fonte:

http://www.casa24.ilsole24ore.com/

I miei servizi News Immobiliari

Rent to buy, la circolare dell’Agenzia delle Entrate fissa i paletti fiscali

Con la circolare n. 4/E pubblicata dall’Agenzia delle Entrate si fa chiarezza sulla disciplina fiscale da applicare ai casi del cosiddetto “rent to buy”, ovvero lo strumento normativo definito dal decreto Sblocca Italia che permette di prendere in affitto un immobile con l’opzione di acquistarlo dopo un certo periodo di tempo. Come anticipato qualche settimana fa dal vicedirettore generale Eduardo Ursilli, l’Agenzia con la circolare 4/E di oggi 19 febbraio completa il quadro disegnato dal decreto che – nel definire gli elementi del nuovo schema contrattuale – non aveva di proposito individuato la disciplina fiscale da applicare.

Sul primo punto, «per la quota di canone imputata al godimento dell’immobile trovano applicazione le disposizioni previste, sia ai fini delle imposte dirette che delle imposte indirette, per i contratti di locazione». Sul secondo punto, per la quota di canone versata come anticipazione del corrispettivo pattuito per il trasferimento (vendita dell’immobile), si applicherà invece la normativa fiscale prevista per gli acconti-prezzo.Tasse variabili a seconda della finalità delle quote di canone
La nuova disciplina del rent to buy configura un negozio giuridico complesso caratterizzato: dal godimento dell’immobile, per i periodi precedenti l’esercizio del diritto di acquisto; dall’imputazione di una quota del canone a corrispettivo della successiva compravendita; dall’esercizio (o eventuale mancato esercizio) del diritto di acquisto dell’immobile. Il nodo principale riguarda dunque il trattamento fiscale del canone, diversificato a seconda che sia destinato al godimento dell’immobile (affitto) o come acconto prezzo (acquisto).

Imponibilità Iva (in base alla scelta dell’impresa) e riflessi sui pagamenti
I canoni versati per il godimento rientrano tra le operazioni esenti da Iva. A meno che il concedente-proprietario sia un’impresa di costruzione o di ripristino e opti per il regime di imponibilità Iva. L’opzione – chiarisce l’Agenzia – «va sempre esercitata nello stesso contratto di godimento di cui all’articolo 23 in esame».

Il regime di esenzione si applica anche ai canoni versati per la locazione di fabbricati strumentali, con la possibilità di optare per l’imponibilità da parte di tutti i soggetti passivi e non solo per le imprese di costruzione e di ripristino.

Quando l’operazione è imponibile ai fini dell’Iva, le aliquote applicabili alla quota di canone pagata come acconto-prezzo sono quelle vigenti al momento dell’accordo. E dunque: aliquota ridotta del 4% se il futuro acquirente dichiara di poter beneficiare dei requisiti “prima casa” e se si tratta di case classificate nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9» (case di lusso); aliquota ridotta del 10%, invece, «se si tratta di case di abitazione che hanno la medesima classificazione catastale di quelle che possono fruire dell’agevolazione “prima casa”; aliquota del 22% per gli immobili classificabili nella categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e per gli immobili strumentali».

Riguardo l’imposta di registro, per i fabbricati abitativi, la misura è determinata in base al regime Iva applicabile. Se il contratto è esente da Iva, alla quota di canone corrisposta quale acconto-pezzo si applica l’imposta di registro proporzionale del 2%. Se il contratto è imponibile Iva, l’imposta è invece in misura fissa (67 euro se il contratto è stipulato per scrittura privata, 200 euro se formato per scrittura privata autenticata o è redatto in forma pubblica).

Per gli immobili strumentali, in deroga al principio di alternatività Iva/Registro, l’imposta di registro è applicata in misura proporzionale (1%), indipendentemente dal regime Iva di imponibilità o di esenzione. «La base imponibile è data dall’ammontare complessivo della quota dei canoni imputabile al godimento dell’immobile, per l’intera durata dello stesso». L’imposta può essere assolta sul corrispettivo pattuito per l’intera durata del contratto oppure sull’ammontare del canone relativo a ciascun anno.
Per gli acconti-prezzo soggetti a Iva, l’imposta di registro è dovuta nella misura fissa di 200 euro.

Vendita: imposte dirette, Iva e registro
Al momento della cessione, per le imprese la tassazione sarà sulla «differenza tra il prezzo di cessione, al lordo degli acconti, e il costo fiscale dell’immobile». Ai fini Iva, invece, «la base imponibile su cui applicare l’imposta sarà data dal prezzo della cessione al netto dei soli acconti sulla vendita pagati fino a quel momento dal nuovo proprietario, cioè dall’ex affittuario, esclusi quindi quelli versati per il mero godimento dell’immobile».

Riguardo alle imposte di registro, ipotecaria e catastale, ai trasferimenti dei fabbricati strumentali rilevanti ai fini Iva (in regime di esenzione o imponibilità) si applica l’imposta di registro fissa di 200 euro e le imposte ipotecaria e catastale in misura rispettivamente pari all’1% e al 3%.

Per i fabbricati abitativi in esenzione Iva l’imposta di registro è dovuta nella misura proporzionale del 9% o del 2%, con un minimo mille euro; mentre le imposte ipotecaria e catastale sono in misura fissa pari a 50 euro ciascuna. Se, invece, il trasferimento del fabbricato abitativo è imponibile Iva, l’imposta di registro è fissa (200 euro) così come le imposte ipotecaria e catastale (sempre di 200 euro ciascuna).

Il rent to buy tra privati
Se il venditore è un soggetto Irpef, sulla quota percepita come affitto si applica la disciplina fiscale dei redditi fondiari: i canoni vanno cioè normalmente a formare il reddito complessivo dei “proprietari”. Mentre l’imposta di registro, proporzionale, è pari al 2%, sia per gli immobili strumentali che abitativi. Si può comunque optare per la cedolare secca.

Quanto al corrispettivo dell’eventuale trasferimento dell’immobile, questo viene tassato come «una plusvalenza realizzata mediante cessione a titolo oneroso di beni immobili, se la cessione interviene entro cinque anni dall’acquisto», come di solito nel regime di compravendite tra privati. Le quote di canone incassate come acconto-prezzo saranno dunque assoggettate alla disciplina dei redditi diversi e diventeranno imponibili al momento della cessione effettiva dell’immobile. Per le cessioni fuori campo Iva, prima casa e altro, l’imposta di registro sarà del 2% nel primo caso e del 9% nel secondo, mentre quella ipotecaria e catastale saranno versate in misura fissa di 50 euro in entrambi i casi.

E se l’affare non va in porto?
Se il conduttore non esercita il diritto di acquisto, per il concedente in regime di impresa non emerge alcun ricavo o plusvalenza rilevante nella determinazione del reddito. Tranne la sola quota dei canoni (acconto) che si è pattuito fosse trattenuta. Lo stesso avviene in caso di risoluzione per inadempimento del conduttore.

Nei contratti tra privati, per il proprietario, la parte di acconto eventualmente trattenuta per il mancato esercizio dell’opzione da parte del conduttore costituirà un reddito diverso. Che in sostanza remunera per il diritto di acquisto concesso in sede di stipula del contratto. E reddito diverso sarà anche la quota trattenuta a titolo di indennità nel caso di inadempimento del conduttore.

Si tratti di mancato esercizio del diritto di acquisto o di inadempimento del conduttore, comunque «non si dà luogo alla restituzione dell’imposta di registro corrisposta nella misura del 3 per cento, applicata in relazione alla quota di canone assimilata ad acconti prezzo». Anche quando il concedente – perché così pattuito – restituisce tali somme al conduttore.

fonte:

http://www.casa24.ilsole24ore.com/

I miei servizi News Immobiliari

Rent to buy: ecco come funziona, quando stipularlo e a chi conviene

Esiste un solo contratto di rent to buy o sono possibili più formule? Alla fine del periodo di affitto sono costretto a comprare? A cosa fare attenzione nella stesura del contratto? Se una delle parti è inadempiente, cosa succede? Chi paga le tasse? Sono molti i dubbi che sorgono quando si sente parlare di rent to buy o affitto con riscatto, cioè della possibilità di acquistare un immobile dopo un periodo di locazione. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su quelli più importanti.

1. Che cosa è il rent to buy
Il rent to buy o affitto con riscatto è uno strumento contrattuale che permette di stipulare un contratto d’affitto che poi si potrà trasformare in una compravendita. Quest’ultima non è infatti obbligatoria, ma costituisce solamente un’opzione legata alla locazione. In sostanza la formula contrattuale si compone di due parti: un contratto di affitto e un preliminare di futura vendita da effettuarsi in un determinato tempo (che in genere è di 3-5 anni, ma che è tutelato dalla legge fino a 10).
Per accedere a questa possibilità c’è però un prezzo da pagare: la quota versata mensilmente sarà infatti superiore a un normale canone di locazione; una parte costituisce l’affitto, l’altra andrà a comporre un acconto sul prezzo finale dell’immobile.

2. Un esempio pratico di affitto con riscatto
Le condizioni dei singoli contratti – pur all’interno di un quadro normativo che tutela le parti, a cui accenneremo più avanti – possono prevedere proporzioni diverse tra canone e “acconto-prezzo” e casistiche particolari a cui occorre fare attenzione al momento della stipula.
Volendo fare un esempio arbitrario, si potrebbe ipotizzare che per una casa del costo di 150mila euro le parti concordino un corrispettivo mensile di 1.000 euro; a fronte di un canone di locazione di mercato di, poniamo, circa 700. Una parte di questo corrispettivo, ad esempio 500 euro, viene dato per il godimento del bene, come se fosse un normale affitto (e quindi in un certo senso “si perde” rispetto ad un acquisto “tradizionale” dove si inizia subito a pagare). I restanti 500 euro vanno invece come pagamento della casa. Se l’opzione di acquisto viene stabilita dopo 5 anni, quindi, 30mila euro (500 euro x 12 mesi x 5 anni) saranno stati già pagati e se ne dovranno corrispondere altri 120mila (naturalmente anche finanziabili con un mutuo).

3. Nessun obbligo di acquisto, ma occhio alle condizioni dell’accordo
La prima cosa a cui stare attenti se si è interessati al rent to buy è verificare che non sia previsto un obbligo di acquisto. Non sono illegali formule di questo tipo, ma non è quello che si intende correntemente con affitto con riscatto, né quello che prevede la normativa di riferimento.
Oltre a questo, occorre fare attenzione nel valutare bene il punto di equilibrio tra quanto “affitto” e quanto “prezzo” si va a pagare. Ovviamente più è alto l’affitto più è tutelato il venditore, ma allo stesso tempo l’operazione è meno conveniente per chi compra. Questo infatti potrebbe stipulare un normale contratto di locazione e accantonare la quota che dovrebbe dare in acconto-prezzo, per poi utilizzarla a distanza di qualche anno per la compravendita di qualsiasi immobile, senza nessun impegno preliminare. Se non si esercita l’opzione d’acquisto si rischia infatti di perdere la quota data come acconto sul prezzo. Ma può anche succedere che – come in alcuni casi di mercato già sperimentati – il venditore, per velocizzare l’affare, stabilisca che se il rogito avviene entro un termine ravvicinato (ad esempio entro due-tre anni) la quota che va a ridurre il prezzo sia la totalità del versato o comunque una quota tanto maggiore tanto minore è il tempo trascorso dall’inizio dell’accordo.

4. Il mercato: una nicchia in crescita
L’attenzione verso il rent to buy è in continua crescita da almeno un paio d’anni. Ma rimane ancora una nicchia in un mercato in crisi. Se è vero che secondo le elaborazioni effettuate da idealista.it per Casa24 Plus a fine 2014 l’offerta di case in rent to buy è più che triplicata negli ultimi due anni, è anche vero che si tratta in assoluto di numeri piccoli, circa 1.800 annunci, che rappresentano meno dell’1% dell’offerta del portale. Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna sono le regioni pilota; anche se crescono Toscana e Lazio. In media si tratta di appartamenti di 90 mq, con un prezzo richiesto di 170mila euro. Secondo l’ufficio studi di Immobiliare.it, il 64% degli annunci di rent to buy si riferisce ad abitazioni nuove o in pronta consegna; il 28% a quelle appena ristrutturate e quindi comparabili al nuovo. La rete Rent to Buy Consulting dichiara di aver concluso oltre un centinaio di contratti (diversi già a rogito).

5. La spinta e i paletti dello Sblocca-Italia
Un freno alla crescita dei contratti negli ultimi anni è consistito nell’assenza di una normativa dedicata, che ha generato diffidenza e incertezza sul mercato: diverse combinazioni di fattispecie normative davano origine infatti a diversi tipi di contratto, a torto accomunati sotto la dicitura di rent to buy.
Solo lo scorso autunno, all’interno del decreto Sblocca Italia, è stato fornito un inquadramento normativo univoco. In particolare, il decreto 133/14 convertito nella legge 164/2014 disciplina i “contratti, diversi dalla locazione finanziaria, che prevedono l’immediata concessione del godimento di un immobile, con diritto per il conduttore di acquistarlo entro un termine determinato imputando al corrispettivo del trasferimento la parte di canone indicata”.

6. Le tutele per chi acquista
La garanzia maggiore consiste nella tutela del compratore per 10 anni. Viene infatti prevista la possibilità di trascrivere il contratto nei registri immobiliari, mettendo al sicuro il futuro acquirente da qualsiasi eventuale “inconveniente” prima cioè dell’acquisto: si pensi all’iscrizione di una ipoteca sull’immobile o a un pignoramento. La trascrizione è una sorta di prenotazione sul bene, che lo protegge fino a 10 anni, contro i tre previsti per i normali preliminari di compravendita (il cosiddetto compromesso). Tra le altre tutele previste c’è l’impossibilità di dare in rent to buy abitazioni in corso di costruzione che siano ipotecate, a meno di frazionare l’ipoteca e accollare al conduttore una quota del mutuo del costruttore.
Cominciano a diffondersi anche alcuni contratti tipo, come ad esempio quello presentato dal Notariato la settimana scorsa o quello di Confedilizia

7. ll rent to buy conviene se il mutuo non si trova o non basta
Il rent to buy è un’opportunità di acquisto alternativa alle forme tradizionali, che un giusto equilibrio tra affitto e acconto prezzo può rendere allettante. Ma considerarlo un modo per “provare la casa” prima di acquistarla può essere fuorviante: se si dovesse cambiare idea si andrebbero a perdere i soldi versati come acconto per la vendita. Ma in alcune situazioni il rent to buy può essere la soluzione ideale. Ad esempio chi non ha un capitale iniziale per l’acquisto da affiancare al mutuo, può accumularlo proprio grazie al meccanismo del rent to buy. Che è adatto anche a chi conta di stabilizzare la propria situazione lavorativa in pochi anni. Alcune formule prevedono un’analisi reddituale e patrimoniale del potenziale acquirente con relativo piano finanziario per valutare la sostenibilità dell’acquisto e programmare anche l’accensione del mutuo con istituti bancari “convenzionati”.

8. Qual è il vantaggio di vendere con questa formula?
Il rent to buy si è diffuso in un momento di mercato in cui c’è moltissimo invenduto sul mercato. E’ utilizzato soprattutto dai costruttori che hanno una strada in più per non lasciare l’immobile inutilizzato e per trovare più facilmente compratori. Occorre però fare attenzione agli annunci che si rivelano poi solo “specchietti per allodole”, nascondendo altre tipologie contrattuali. Il rischio per chi vende è di trovarsi l’immobile occupato dal conduttore divenuto inadempiente e di dover fare ricorso al giudice per liberare il bene e venderlo ad altri.

9. Cosa succede se una delle due parti non rispetta l’accordo
Nell’accordo deve essere previsto cosa succede in caso di inadempimento. In caso di inadempimento del conduttore (affittuario-acquirente), il proprietario ha diritto alla restituzione dell’immobile e, se il contratto non prevede diversamente, di acquisire per intero i canoni versati. Nel caso invece sia il proprietario a rendersi inadempiente, il conduttore ha diritto almeno alla restituzione della parte dei canoni imputata a prezzo, più gli interessi legali.
Secondo quanto stabilito dallo Sblocca Italia, il contratto si risolve in caso di mancato pagamento, anche non consecutivo, di un numero minimo di canoni, pari a un ventesimo del totale. Le parti sono però libere di fissare l’asticella più in alto, così come possono decidere la durata, la quota di canone imputabile al prezzo, diritti di recesso, clausole penali, la cedibilità del contratto, eccetera.

10. La fiscalità: niente Imu fino al rogito
Bisogna distinguere “se chi concede il godimento in vista della futura vendita – precisa il Notariato – è un privato o un’impresa, e bisogna distinguere anche tra imposte dirette (a carico del proprietario/venditore) ed indirette (a carico del conduttore/acquirente)”. Le imposte legate al possesso dell’immobile (Imu e Tasi, almeno in larga parte) sono a carico del proprietario, come in qualsiasi contratto di affitto. Le spese di trascrizione del contratto nei registri immobiliari sono, invece, a carico dell’acquirente, come le spese ed imposte dovute per l’atto di compravendita dell’immobile. Ma se alcuni principi di fondo sono chiari, su altri si attende a breve un pronunciamento dell’Agenzia delle Entrate: restano ad esempio da chiarire gli aspetti relativi a Iva, imposte dirette e di registro in alcuni casi particolari.

fonte:

http://www.casa24.ilsole24ore.com/

I miei servizi Mercato di Milano Mondo RE/MAX News Immobiliari

Come cercare e comprare Casa senza stress?

incaricoacquisto

Cercare e comprare casa senza stress è possibile e la soluzione è l’Incarico di Acquisto Immobiliare conferito ad un unico Referente che lavora per Voi, tutti i giorni.

L’incarico di acquisto immobiliare, è un servizio dedicato a chi vuole comprare casa ma è stanco delle scarse informazioni ricevute e si trova a visionare un immobile non conforme alle sue aspettative o con vizi nascosti, per chi ha poco tempo da dedicare alla Sua ricerca, per chi si trova distante dall’area geografica di suo interesse e vuole visionare in un unico viaggio la maggiore quantità di immobili conformi alla Sua esigenza, ma soprattutto a chi vuole sentirsi davvero seguito nel momento del maggiore investimento della propria vita.

L’incarico di acquisto immobiliare è la giusta soluzione che fa per Voi:

PRIMO PASSO:
• Incontro di persona presso i nostri uffici o presso una sede a Voi più opportuna a seconda della Vostra reperibilità, al fine di farci descrivere da Voi l’immobile dei Vostri desideri, valutando l’investimento e in quale formula, la localizzazione geografica, la dimensione e i servizi dell’immobile, i servizi limitrofi (attività commerciali, scuole, trasporti pubblici etc.);
• Valutazione della fattibilità del progetto, i tempi necessari al raggiungimento dell’obiettivo, anche in base alle Vostre esigenze di necessità del bene immobiliare;
• Calcolo del budget, tenendo conto di tutti i costi connessi all’acquisto dell’immobile (onorari, spese notarili, tasse etc.);
• Tutto questo in maniera gratuita e senza impegno; se Vi piacerà la nostra azione di lavoro, allora verrà stilato un incarico per realizzare la ricerca immobiliare, ed effettuare da parte nostra pre-visite così da vagliare gli immobili corrispondenti ai criteri di ricerca con Voi concordati.


METODO DI RICERCA
La nostra conoscenza del mercato immobiliare, ci consente una ricerca a 360° , grazie anche ad un’efficace rete di contatti con i principali operatori professionali (collaborazione con amministratori, costruttori, altre agenzie immobiliari etc.) e i nostri clienti privati.
• Visionare personalmente gli immobili selezionati tramite le Vostre indicazioni: predisporre per ogni immobile un’informativa composta da foto, una scheda completa della descrizione dell’immobile, dei servizi circostanti, dello stato di manutenzione, documentazione catastale e ipotecaria; affinché possiate compiere un acquisto in tutta sicurezza e pienamente consapevoli dello stato dell’immobile.
• Visione del materiale con la scelta degli immobili che più Vi affascinano e siano conformi alle vostre esigenze. Organizzare, in funzione della disponibilità Vostra e dei proprietari, i sopralluoghi agli immobili scelti.


TROVATO L’IMMOBILE GIUSTO
Procederemo alle varie fasi che compongono l’acquisto, con tutta la Professionalità che ci contraddistingue ed in massima sicurezza.


SERVIZIO POST VENDITA
Qualora lo necessitiate, possiamo proporVi una serie di servizi accessori, che faciliteranno il Vostro ingresso nella nuova abitazione.
FornirVi l’architetto e la ditta di lavori edili, se il vostro progetto prevede un immobile da ristrutturare; avendo a disposizione una serie di professionisti qualificati e consolidati da anni di stretta collaborazione.
Assistenza alla sottoscrizione dei servizi quali: luce, acqua, gas, assicurazioni, sistemi di sorveglianza etc.

Per fissare un appuntamento senza alcun impegno, compilate il modulo sottostante.

BNI International BNI Italia I miei servizi

La filosofia di BNI è riassunta nel suo motto: Givers Gain

BNI, Business Network International, è l’organizzazione di scambio referenze più vasta e di successo a livello mondiale.

Nasce nel 1985 negli Stati Uniti e in 27 anni si è imposta nel panorama del Networking mondiale con oltre 157.000 Membri e 6.300 Capitoli in più di 50 Paesi in tutto il mondo.

In Italia BNI arriva nel 2003 e oggi ha al suo interno più di 1.600 Membri suddivisi in oltre 70 Capitoli attivi in varie province italiane.

Scopo principale di BNI è l’aumento del giro d’affari dei propri Membri, professionisti e imprenditori, grazie allo scambio di referenze e di contatti. Uno scambio concreto, tangibile, a differenza di quanto avviene negli altri professional network on line. I Membri dei Capitoli BNI (Capitolo è il gruppo di lavoro all’interno del quale è ammesso un solo rappresentante per categoria professionale) instaurano relazioni personali con dozzine di professionisti e imprenditori qualificati.

Grazie ad un sistema pensato, strutturato e perfezionato appositamente per dare e ricevere referenze, i Membri BNI allargano la propria sfera di contatti e, di conseguenza, incrementano il proprio giro d’affari.

Nel 2011 i Membri BNI hanno scambiato oltre 7.100.000 referenze che hanno generato un volume d’affari di oltre 2,6 miliardi di euro.

La filosofia di BNI è riassunta nel suo motto: Givers Gain.

I Membri che mettono a disposizione degli altri Membri la propria sfera di contatti e forniscono referenze, ricevono a loro volta contatti e nuove opportunità di incrementare il proprio giro d’affari.

Per partecipare come ospite all’incontro settimanale del Capitolo BNI Innovazione di cui faccio parte a Milano, contattatami al 389 9280672!

I miei servizi Mondo RE/MAX News Immobiliari

RE/MAX Valori Milano – Open House 1 Dicembre 2013 – Via Colletta 12 Milano Porta Romana

m4s0n501

CHE COS’E’ L’OPEN HOUSE?

Letteralmente significa “Visita libera di immobili in vendita o in affitto”.

E’ un sistema innovativo, molto utilizzato in America, che si sta diffondendo in Europa, ed anche in Italia grazie ai Consulenti RE/MAX.

Coloro che desiderano vendere l’immobile decidono di “aprire la casa” ai potenziali acquirenti, in un unico appuntamento, in un giorno da definire, evitando di fissare singoli appuntamenti per ogni visitatore. Tutta la visita “collettiva” si svolge sotto la supervisione di un consulente immobiliare RE/MAX incaricato, supportato dai colleghi.

L’organizzazione di una Open House viene comunicata tempestivamente al pubblico, e dunque ai potenziali acquirenti dell’immobile, attraverso annunci su stampa quotidiana e periodica di settore, e tramite una azione di mailing mirata ai clienti potenziali. Inoltre, una adeguata azione di marketing consente di raggiungere capillarmente tutti gli agenti immobiliari operanti in zona. Anche gli agenti immobiliari della concorrenza vengono coinvolti nell’iniziativa. Grazie all’Open House l’immobile entra in una rete di contatti molto più ampia, aumentando notevolmente le opportunità di vendita di quest’ultimo.

I VANTAGGI DEL SISTEMA OPEN HOUSE

Vantaggi per chi compra casa

1)Visita dell’immobile senza la necessità di fissare un appuntamento, e poter avere comunque la presenza di un professionista immobiliare sul posto.

2)Possibilità di una seconda visita dell’immobile nella stessa giornata, senza dover fissare un ulteriore appuntamento. Accade spesso che uno solo dei coniugi veda per primo l’immobile, e abbia poi la necessità di fissare un secondo appuntamento, per permettere anche al partner di visionarlo.

3)Possibilità di una seconda visita dell’appartamento nella stessa giornata, riducendo il rischio che la casa possa essere venduta con il trascorrere dei giorni.

Vantaggi per chi vende casa

1)Molteplici professionisti immobiliari impegnati nella stessa vendita.

2)La visita di più potenziali acquirenti in un’unica giornata.

3)Risparmio di tempo da parte di chi vende casa: con Open House gli appuntamenti si concentrano in un solo giorno.

4)Garanzia di un’efficace comunicazione di vendita a tutti i potenziali clienti della zona. Ricordiamo che circa il 70% delle case vengono acquistate da persone che già risiedono nella zona di ubicazione dell’immobile.

5)Vendita dell’immobile molto più veloce.

6)Maggiore probabilità di ottenere il prezzo di vendita richiesto.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: